La tossina botulinica, autorizzata dal Ministero della Sanita' italiana per la correzione delle rughe verticali della fronte, agisce riducendo la mimica eccessiva, causa primaria della formazione delle rughe.

La metodica praticata con la tossina botulinica, già conosciuta negli Stati Uniti come BOTOX o COSMETIC BOTOX e approvata nel 2001 dall'ente americano FDA (Foods & Drugs Adminstration), è stata ammessa in Italia con il nome di Vistabex™. Le iniezioni di tossina botulinica per l'eliminazione delle rughe sono un trattamento relativamente nuovo, pur essendo utilizzate da anni in neurologia contro gli spasmi muscolari. La maggior parte di quanto è stato scritto e detto su questo metodo in quotidiani, riviste, televisione, ecc. è inteso a far scalpore.

Prima di affrontare il trattamento è necessario sapere che:

Le iniezioni di tossina botulinica consentono, come ogni trattamento estetico, di ottenere un certo miglioramento, non la perfezione.

Il risultato finale potrebbe non essere evidente prima di due settimane dal trattamento.

Per ottenere il miglior risultato possibile, a volte, sono necessarie più applicazioni.

Il rispetto delle raccomandazioni post-operatorie (frequente contrazione dei muscoli interessati per un'ora, successiva assunzione di posizione eretta per 4-6 ore, divieto di assumere alcoolici e di fare lampade abbronzanti o prendere sole per 48 ore, nessun massaggio delle zone trattate per 48 ore) è indispensabile per ottenere il miglior risultato possibile e per limitare l'insorgenza di effetti collaterali.

Può verificarsi il temporaneo abbassamento di una palpebra e di un sopracciglio. Sono episodi piuttosto rari (1-5%), percepibili solo dal paziente, che spariscono spontaneamente. La posizione eretta permetterà di evitare questi inconvenienti.

L'effetto delle iniezioni di tossina botulinica è temporaneo (3-8 mesi circa), tuttavia in alcuni pazienti si hanno risultati cumulativi. Sebbene le complicazioni siano rare, si possono verificare i seguenti inconvenienti:

1 - Leggere infiltrazioni di sangue sottocutaneo, con conseguente comparsa di ecchimosi per alcuni giorni.
2 - Senso di pesantezza nella regione trattata.
3 - Leggero bruciore agli occhi con sensazione di secchezza.

In casi estremamente rari e resistenti, la tossina botulinica non procura alcun effettivo miglioramento. Non esiste metodo per prevedere questa mancata reazione. Di solito, sono semplicemente necessarie altre iniezioni. Il medico inietta una quantità media di prodotto, ma in alcuni pazienti, in particolare uomini e donne dall'intensa attività muscolare, la quantità di prodotto deve essere superiore.

L'impiego della tossina botulinica risulta efficace nel trattamento dell'iperidrosi ovvero della sudorazione eccessiva.

 

__________________________________ __________________________________________ Home